La mani bocca piedi è una patologia esantematica piuttosto diffusa tra i bambini con un’età inferiore ai cinque anni, sebbene possa colpire anche adolescenti e adulti. Per fortuna, tra le patologie esantematiche che il pediatra a Roma viene tutti i giorni una delle più lievi con sintomi abbastanza simili a quelli di una influenza classica. Vediamo quali sono e soprattutto come curare questa malattia.

I sintomi della mani bocca piedi

I sintomi tipici della mani bocca piedi inizierò con febbre, sebbene non molto alta. Questo può far pensare a una influenza ma dopo un paio di giorni appare l’esantema che è proprio il sintomo caratterizzante della patologia. Il bambino presenta delle piccole bolle di colore Grigio all’interno del cavo orale e sulla lingua. Dopo uno o due giorni, il rush si estende principalmente al palmo della mano e alla pianta dei piedi. Per questo motivo, rende questo particolare nome. Tuttavia, le vescicole possono presentarsi anche nel resto del corpo: braccia, viso, glutei, gambe e genitali. È importante dire che l’eruzione cutanea non è fastidiosa. Infatti, non produce prurito o comunque è molto basso. Le vescica all’interno della bocca però sono più fastidiosa possono perdurare 7 – 10 giorni.

Questi sintomi della malattia si aggiungono altri come un malessere generalizzato, tosse, mal di testa, mal di gola, perdita dell’appetito, dolori addominali E diarrea.

Come curare la mani bocca piedi

Non c’è una cura specifica per la mani bocca piedi. I genitori che dovessero riconoscere la patologia possono comunque sentire il pediatra a Roma per Avere indicazioni più precise sul da farsi O comunque per escludere altre patologia esantematiche che possono avvenire dei sintomi simili.

La mani bocca piedi scompare da sola nel giro di una settimana o poco più. È Comunque possibile intervenire per alleviare i sintomi, per esempio con del paracetamolo per abbassare la febbre e ridurre i dolori ma sempre sotto consiglio e stretta osservanza delle pediatra a Roma. Sciroppi e caramelle per la tosse sono ovviamente consigliate ma senza esagerare e preferibilmente di origine naturale.