Una panoramica completa sulla cucina indiana

Eco 4 piatti da provare assolutamente quando si va al risostarne indiano per avere una panoramica completa su questa cucina etnica  molto speziata e ricca di sapori intensi.

Samosa

Si parte coni fagottini di pasta ripieni con deliziose verdure e spezie. Ci sono anche quelli con pollo e formaggio da poter provare. Spesso sono fatti con una pasta tipo fillo e a casa si possono rifare utilizzando la pasta sfoglia. Sono poi fritti oppure cotti al forno e serviti con una salsina piccante o anche al tamarindo.

Pakora

Con il termine pakora si indica la pastella fatta con la farina di ceci usata per ricoprire soprattutto le verdure ma anche il formaggio o patate. Al pastelle con la farina di ceci è arricchita con delle spezie, ovviamente, come cumino in polvere, garam masala e chiodi di garofano, tutto in polvere.

Biryani

Uno dei piatti più noti della cucina indiana è il biryani, un piatto unico completo e ricco di sapori. È praticamente del riso basmati bollito o cotto al vapore a cui si aggiungono varie spezie facendo assumere al riso una tipica colorazione giallo –arancio. Per arricchire il piatto si aggiungono altri ingredienti, che sono cotti a parte. Si parla di carne o pesce più le verdure. Una della varianti da provare è il chicken biryani con pollo, verdure e spezie. Per chi ama i sapori forti, quello con l’agnello è da ordinare assolutamente.

Tandoori

Un altro piatto tipico della cucina indiana è il pollo tandoori. Prende questo nome dal recipiente in cui è cotto, il forno tandoor. È una sorta di campana rovesciata in argilla che viene messa sul fuoco e raggiunge anche i 400° C garantendo una certa croccantezza del piatto. Si utilizzano le cosce e sovra cosce di pollo che sono marinate e poi cotto con una salsa a base di yogurt, succo di limone, zenzero, peperoncino rosso, curry in polvere, aglio tritato, curcuma in polvere e altre spezie a piacere.

Per prendere subito un appuntamento, clicca qui www.ristoranteindianoroma.eu

SHARE
Previous articleUsare il wc come un cestino: no, mai!