Pressione della caldaia: come si misura e cosa fare in caso di alterazioni

Uno dei principali valori che bisogna tenere costantemente sotto controllo per garantire il corretto funzionamento della caldaia per la produzione di acqua calda sanitaria è la pressione. Ogni caldaia è dotata di un manometro per tenere sempre sotto controllo il valore. Per capire qual è il livello corretto della pressione della caldaia e anche che cosa bisogna fare nl caso di problemi, basta continuare a leggere di seguito.

Il livello giusto

Perché la caldaia funzioni correttamente, il livello della pressione deve essere incluso tra 1 e 2 bar. Si tratta di un’Indicazione generale che può variare in base al modello della caldaia. Per questo motivo, vale la pena controllare quanto indicato sul manuale di istruzioni oppure chiedere direttamente al tecnico manutentore. Di solito, nelle caldaie più moderne, i problemi di pressione vengono segnalati sul display elettronico e mandano in blocco l’intero dispositivo.

Come alzare la pressione della caldaia

Se la pressione della caldaia è inferiore a 1 bar, allora è troppo bassa e possono esserci problemi e disagi molto evidenti. Infatti, si può notare che non esce acqua calda dal rubinetto e i termosifoni non si accendono.

Alzare il livello della pressione è davvero molto facile E si può fare in autonomia senza dover chiamare l’assistenza. Nella parte inferiore della caldaia è possibile notare una serie di rubinetti; bisogna aprire per qualche secondo il rubinetto di colore nero che corrisponde all’ingresso dell’acqua.

Come abbassare la pressione della caldaia

Quando si parla di pressione della caldaia, bisogna anche portare una pressione eccessiva, cioè superiore a 2 bar. Meno evidente un problema di questo tipo ma, a lungo andare, può provocare guasti e malfunzionamenti. Per ridurre il livello della pressione, è sufficiente sfiatare i termosifoni facendo uscire un po’ di acqua.

16 problemi di pressione dovessero continuare nonostante gli interventi suggeriti, È pensabile rivolgersi a un tecnico che possa individuare la causa principale. Per avere subito ulteriori dettagli, fai click su www.assistenzacaldaieariston-roma.com

SHARE
Previous articleI guasti più comuni dell’Iphone